Frittelle di carnevale con uvetta

Frittelle dolci con uvetta
Frittelle dolci con uvetta

Un dolce semplice semplice che è veramente un peccato relegare al solo periodo di carnevale. Trattandosi di frittelle magari conviene non esagerare… ma uno strappo qua e là si può sempre fare.

Nell’impasto io ho usato la panna liquida, ma potete tranquillamente sostituirla con latte intero. Verificate solo il peso: dovrete ottenere una pastella morbida ma non troppo liquida, quindi aggiungetelo poco per volta (anche per evitare la formazione di grumi).

Se non avete un termometro da cucina per misurare la temperatura dell’olio, fate cadere un po’ di impasto nella pentola e iniziate a friggere solo quando si formeranno tante belle bolle intorno alla pastella. Non friggete a una temperatura inferiore a 170-175 °C perché le vostre frittelle si inzupperanno d’olio.

INGREDIENTI

  • 200 g di farina 00
  • 2 cucchiai di zucchero semolato
  • 2 uova medie
  • 200 g di panna fresca liquida
  • 70 g di uvetta sultanina
  • 1 bustina di lievito chimico in polvere (16 g)
  • 1 limone non trattato
  • Aroma vaniglia
  • Olio di semi di arachidi (per friggere)

PREPARAZIONE

  1. Mettete l’uvetta ad ammollarsi in acqua tiepida (o con un po’ di rum).
  2. Setacciate in una ciotola la farina, lo zucchero e il lievito e mescolate le polveri molto bene con una frusta.
  3. Formate una fontana al centro della farina e sgusciate le uova. Aggiungete anche la buccia del limone grattugiata e qualche goccia di aroma vaniglia.
  4. Mescolate le uova incorporando gradualmente la farina e poi aggiungete la panna a filo, poca per volta, fino a ottenere un composto liscio e senza grumi.
  5. Aggiungete l’uvetta, scolata e ben strizzata.
  6. Scaldate 2 litri d’olio di semi di arachidi in una pentola dai bordi alti. Portate l’olio a circa 175 °C.
  7. Prelevate il composto con un cucchiaio o con un dosatore per gelato e fate cadere le palline di pastella nell’olio ben caldo. Friggetene poche per volta e regolatevi in modo che ogni frittella sia circa 3-4 cm di diametro (non fatele troppo grandi altrimenti l’interno non cuocerà completamente).
  8. Scolatele, quando saranno ben dorate, su carta assorbente da cucina.
  9. Se volete, passatele nello zucchero semolato prima che si raffreddino.
  10. Mangiatele subito perché le cose fritte sono buone appena fatte!

Ciao! Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.