Cestini di patate con polpo

Polpo con patate
Cestini di patate con polpo

Partiamo da due o tre verità (oppure ovvietà, a seconda dei punti di vista): la prima è che molluschi e pesci, in generale, sono difficilmente instagrammabili… Si può essere un bravo fotografo o una fotografa mediocre come me, comunque sia il compito è uno dei più difficili. Ciononostante, siccome il matrimonio tra polpo e patate è, a mio modesto avviso, uno dei meglio riusciti in natura non potevo non proporvi questa ricetta.

E qui dovete fidarvi della mia parola, visto che l’immagine non vi aiuta più di tanto, il profumo non potete sentirlo e il gusto neppure. Per esaltare questo connubio patate e polpo, ho arricchito le patate con una noce di burro e un po’ di noce moscata e ho preparato un purè consistente con cui realizzare questi cestini da gratinare in forno.

Poi c’è la terza verità (e no, non riguarda il famoso tappo di sughero che rende il polpo morbido): se provate questa cottura in umido non farete più un polpo bollito in vita vostra! Scherzi a parte, per me è stata una rivelazione! Armatevi quindi di un po’ di tempo e pazienza (il polpo ha bisogno di una cottura abbastanza lunga, ma cuoce da solo, fortunatamente…), ma provate questo piatto e non ve ne pentirete!

INGREDIENTI per 8 persone

PER IL POLPO

  • 1 polpo da 800 g
  • 1 scalogno
  • 2 foglie di alloro
  • 1 rametto di timo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • Olio extravergine di oliva

PER I CESTINI DI PATATE

  • 850 g di patate
  • 20 g di burro
  • noce moscata
  • Sale

PREPARAZIONE

  1. Pulite il polpo accuratamente, separate la testa e tagliatela in 4 parti, separate i tentacoli lungo la linea di giuntura e tagliateli a metà.
  2. Fate rosolare in 3-4 cucchiai d’olio lo scalogno tagliato a fette non troppo sottili, l’aglio con la camicia, l’alloro e il timo.
  3. Eliminate il timo e l’aglio e aggiungete il polpo. Fatelo saltare per qualche minuto finché non cambia colore e diventa rosso. Aggiungete il vino e fate evaporare.
  4. Coprite la pentola con un coperchio e fate cuocere a fiamma bassa per circa un’ora e mezza. Siccome il tempo dipende dalla grandezza del polpo, controllate di quando in quando lo stato di cottura, quando i tentacoli più grandi sono morbidi, spegnete il fuoco e fate raffreddare il polpo nella sua acqua di cottura e a pentola sempre coperta.
  5. Fate cuocere le patate con la buccia. Partite sempre da acqua fredda.
  6. Quando le patate sono cotte, sbucciatele ancora calde, passatele nello schiacciapatate.
  7. Aggiungete il burro, il sale e una bella grattata di noce moscata. Dovrete ottenere un purè molto denso.
  8. Mettete il purè in un sac a poche con bocchetta a stella. Su una placca da forno ricoperta di carta da forno, formate la base dei cestini (circa 7/8 cm di diametro) facendo una spirale e poi fate il bordo.
  9. Cuocere in forno ventilato a 170 °C per circa 10-15 minuti finché i cestini non sono dorati.
  10. Sfornate e servite i cestini ancora caldi con i tentacoli del polpo sgocciolati dal sugo di cottura e rosolati velocemente in padella.
  11. Se volete potete usare il sugo di cottura del polpo per fare una maionese da servire con i vostri cestini. Filtrate il liquido di cottura, fatelo restringere a fuoco vivo. Versatelo in un mixer a immersione e aggiungendo gradatamente olio di semi, fate montare la maionese. Aggiungete anche qualche goccia di limone.
  12. In alternativa, la testa e il sugo del polpo avanzati possono diventare un sugo fantastico per una pasta.

Ciao! Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: