Gnocchi di patate con semola rimacinata di grano duro

Gnocchi di patate e semola
Gnocchi di patate se semola

Giovedì, gnocchi! Prima o poi dovevo giocarmi questo detto popolare in un post… voi vi siete mai chiesti perché? Pare che il modo di dire sia di origine romana e risalga al dopoguerra, quando il cibo scarseggiava ma il giovedì era comunque il giorno in cui si mangiava qualcosa di ricco e sostanzioso prima del giorno di magro, ovvero il venerdì. Il detto completo è “giovedì gnocchi, venerdì pesce e sabato trippa” ma sabato non ci sarà “trippa per gatti” su questo blog perché, nonostante mi piaccia molto, non saprei cucinarla. Approfondiremo il detto “non c’è trippa per gatti” in un altro momento, ora passiamo alla ricetta degli gnocchi, o meglio degli gnocchi di patate con semola rimacinata di grano duro al posto della classica farina di grano tenero.

Ma perché utilizzare la semola rimacinata di grano duro per gli gnocchi al posto della classica farina di grano tenero (0 oppure 00)? La farina di semola permette di ottenere impasti più tenaci, infatti viene utilizzata per paste fresche e secche impastando solo con acqua, senza dover aggiungere uova, visto che ha una capacità di assorbimento dell’acqua maggiore. Naturalmente, per fare in modo che gli gnocchi con semola non diventino duri occorre mantenere una bassa percentuale di semola rispetto alle patate (ma questo vale anche per la farina di grano tenero). Il risultato, però, è uno gnocco ugualmente morbido ma più compatto

Le patate le ho fatte bollire con la buccia, ma vi consiglio di provarle anche cotte al forno, intere e sempre con la buccia. La cottura al forno permette di avere delle patate ancora più asciutte, il che è un gran bene per la preparazione degli gnocchi: meno acqua assorbono le patate o più acqua rilasciano meglio è.

Passate le patate nello schiacciapatate ancora calde e quando si sono un po’ intiepidite iniziate a impastare con la farina e l’uovo.

Anche la scelta delle patate è fondamentale: le migliori sono quelle a pasta bianca e un po’ invecchiate (perché più povere d’acqua). Non usate patate novelle, le patate devono essere vecchie.

Se invece volete preparare gli gnocchi di patate con farina di grano tenero qui trovate la ricetta e alcuni consigli in più su come realizzare gli gnocchi perfetti.

Facile
per 4 persone
50'
5' (+ 30' circa per la cottura delle patate)

INGREDIENTI

  • 800 g di patate “vecchie” a pasta bianca
  • 250 g di semola rimacinata di grano duro
  • 1 uovo medio
  • Sale

PREPARAZIONE

  1. Fate cuocere le patate con la buccia in acqua (partendo da acqua fredda) o in forno a 150 °C.
  2. Sbucciatele e passatele nello schiacciapatate.
  3. Quando le patate sono tiepide, formate una fontana con la semola sulla spianatoia, mettete le patate passate al centro, l’uovo, un cucchiaino di sale e iniziate a impastare (qui trovate un video tutorial).
  4. Quando avrete ottenuto un panetto compatto e ben lavorato, prendete una parte dell’impasto e lavoratelo in modo da ricavare un filoncino da 1,5 cm di larghezza. Tagliatelo a tocchetti da 2 cm l’uno e passate ogni pezzo sui rebbi di una forchetta, premendo leggermente, per rigare la superficie (in questo modo gli gnocchi raccoglieranno meglio il sugo).
  5. Potete cuocerli subito oppure, come ho fatto io, spolverare una vaschetta di alluminio con la semola, disporre senza sovrapporli gli gnocchi e congelarli per quando servono.
Impasto per gnocchi di patate e semola
L'impasto per gli gnocchi
Gnocchi di patate e semola
Fare un filoncino e tagliarli
Gnocchi di patate e semola
Disponeteli su un vassoio per non farli attaccare

2 commenti su “Gnocchi di patate con semola rimacinata di grano duro”

Ciao! Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: