Pasta all’uovo

Pasta all'uovo
Pasta all’uovo

Normalmente uso la planetaria per preparare qualsiasi impasto, pasta compresa. Ce l’ho ed è comoda, perché scegliere la via più lunga e faticosa? Questa mattina però ho deciso di seguire il metodo classico: ho tirato fuori la mia piccola spianatoia e ho iniziato a impastare a mano. Non sono gesti abituali ma nel momento in cui formavo la fontana di farina, sbattevo l’uovo nel piccolo cratere e iniziavo a lavorare l’impasto con lentezza ed energia era come se lo avessi fatto per ogni giorno della mia vita. Forse è il fiume dei ricordi che esonda e cancella per un momento il presente. Mia nonna, verso le nove del mattino, tirava fuori la spianatoia e mi chiedeva: cosa vuoi per pranzo? E poi iniziava a impastare: tagliatelle, gnocchi, focacce. Non so quante volte le ho visto fare quei gesti, con una tale naturalezza. Adesso uso la planetaria, per mancanza di tempo, per comodità o per tenere lontani i ricordi. Ma ogni tanto è salutare mettere le mani in pasta, abbassare il ritmo del tempo che scorre e abbandonarsi alla nostalgia.

Vi lascio due dosi per la pasta all’uovo: la prima, che prevede un uovo ogni etto di farina, la uso per preparare le tagliatelle o la pasta per i ravioli. La seconda mi servirà per preparare i cosiddetti mandilli de saea (fazzoletti di seta in dialetto ligure) di cui vi darò la ricetta domani (stay tuned…) o delle lasagne.

INGREDIENTI per circa 4 persone

DOSE 1 per tagliatelle, ravioli

  • 300 g di farina per pasta
  • 3 uova
  • sale

DOSE 2 per mandilli o lasagne

  • 300 g di farina
  • 2 uova
  • acqua
  • sale

PREPARAZIONE

  1. Formate una fontana con la farina e scavate un cratere al centro.
  2. Rompete nel centro le uova, aggiungete due pizzichi di sale, e sbattete leggermente con una forchetta.
  3. Iniziate a lavorare con le mani incorporando gradualmente la farina nelle uova.
  4. Se utilizzate la DOSE 2 aggiungete un po’ d’acqua, poca per volta in modo da verificare la consistenza dell’impasto che deve risultare compatto, non molle e appiccicoso.
  5. Quando avete incorporato bene tutta la farina e il panetto risulta ben amalgamato e liscio, mettete la pasta a riposare per mezz’ora prima di tirarla. Copritela con una ciotola o un canovaccio perché non asciughi in superficie.
Pasta all'uovo
Pasta all’uovo

Ciao! Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: